Skip to Content
Accedi con credenziali OPL
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordine Recupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Gruppo di lavoro - Psicologia delle dipendenze
logoGruppo di lavoro - Psicologia delle dipendenze convenzione Le persone che sviluppano nella loro storia un problema di dipendenza possono avere alla base diverse forme di vulnerabilità, sperimentare in età giovanile difficoltà e frustrazioni, incontrare nel proprio percorso di vita situazioni che fanno loro vivere la esperienza dell’addiction come divertente, gratificante, di sollievo. Si creano quindi abitudini, frequentazioni che poco alla volta entrano a far parte dello stile di vita e della identità personale, automatismi che replicano sé stessi, tendono a consolidarsi e radicarsi precludendo altre opportunità esistenziali. Tutte le persone che sviluppano una dipendenza sono persone che denegano e annegano la propria sofferenza – pregressa o conseguente alla patologia – nel comportamento da addiction, nascondendo e difendendo il rapporto di bisogno patologico creato. Per questo motivo arrivano a chiedere aiuto in ritardo, quando le gravi conseguenze della patologia – spesso prioritariamente evidenti ai familiari - obbligano ad un cambiamento.

Molti psicologi lavorano nelle dipendenze: nei Servizi pubblici delle Dipendenze (SERD) e privati; nei Nuclei Operativi di Alcologia (NOA); nelle Comunità Terapeutiche e nei Centri Diurni; nelle realtà che si occupano di Prevenzione. Si impegnano per l’intervento precoce, specie con gli adolescenti, per evitare che alcune sperimentazioni di addiction possano portare a carriere tossicofiliche. Lavorano sulla diagnosi e cura delle diverse forme di dipendenza, in funzione della tipologia e della gravità. Devono saper operare – all’interno di Teams multidisciplinari - con strumenti specifici, in setting individuali, familiari, di gruppo.

Tra i diversi abiti di lavoro nel settore delle Dipendenze, ve ne sono peraltro alcune in cui la componente psicologica è rilevante se non addirittura prevalente rispetto a quella fisica: gioco d'azzardo patologico (GAP), dipendenze comportamentali come quella da Internet, abuso di alcol, tabagismo.

Nel lavoro con la persona con problemi di addiction vi sono interventi di competenza propria degli psicologi che tuttavia non sono oggetto della formazione curriculare dei professionisti né in Università né nelle Scuole di Specialità.

Il Servizio Sanitario Nazionale in questi ultimi anni ha spinto affinchè la cura sia orientata verso l’utilizzo di strumenti evidence based, attingendo dalla Ricerca scientifica e dalle Linee Guida delle Società Scientifiche per definire Procedure o PDTA sulle specifiche patologie.

Questo progetto vuole individuare gli strumenti di diagnosi e cura psicologica evidence based della persona con disturbo da uso di alcol, da gioco d'azzardo patologico, tabagismo, web addiction, nonché dell’intervento precoce con l’adolescente che sperimenta l’uso di sostanze psicoattive.
Il materiale raccolto verrà illustrato nell'anno 2021 in una “Cassetta degli attrezzi” dello Psicologo che lavora clinicamente sull'addiction e la dipendenza psicologica, e in due webinar dedicati alla psicologia delle dipendenze e della psicologia del GAP. Il presente progetto è stato avviato e finanziato nell’anno 2021 per le attività di costruzione del Tavolo di Lavoro, Review Scientifica, reperimento e raccolta degli strumenti psicologici evidence based per la Cassetta degli attrezzi, due webinar su tematiche psicologiche nei Disturbi da uso di sostanze e comportamentali.
 
Partecipanti Gruppo di Progetto (GdP): 
Cinzia Sacchelli, Consigliere OPL, Psicologo psicoterapeuta, Responsabile Servizio di Psicologia ASST di Crema, Direttivo lombardo Società Italiana Alcologia
Alberto Ghilardi, Psicologo Psicoterapeuta, Professore Ordinario SSD Psicologia Clinica Università di Brescia, Direttivo Lombardo Società Italiana Alcologia
Herald Cela, Psicologo, Collaboratore di ricerca SSD Psicologia Clinica Università di Brescia, SIA Lombardia
Cristina Foglio, Psicologo Psicoterapeuta, SIA Lombardia, U.O. Riabilitazione Dipendenze Ospedale Rivolta d’Adda
Rita Subioli, Psicologo Psicoterapeuta, SIA Lombardia


E inoltre nel Gruppo di Lavoro (GdL):
Sandra Basti Psicologa Psicoterapeuta, FEDERSERD
Daniela Capitanucci, Psicologo Psicoterapeuta, Associazione AND, UNINSUBRIA, Osservatorio GAP Ministero della Salute
Giusi Gelmi Psicologa, UOC Promozione Salute ATS Milano, Società Italiana di Psicologia della Salute
Luca Biffi, Psicologo Responsabile U.O. Prevenzione Dipendenze ATS di Bergamo
Ilaria Rossi, Tirocinante
 
X
Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono un piccoli file di testo che vengono memorizzati sul dispositivo del visitatore quando questo naviga sui siti web tramite l'utilizzo del proprio browser preferito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro. L'adozione e il successivo utilizzo dei cookie sono stati oggetto di una attenta analisi tenendo conto delle disposizioni vigenti e delle indicazioni e disposizioni fornite dal Garante Privacy negli anni, consultabili al seguente collegamento https://www.garanteprivacy.it/temi/cookie . Di seguito potete trovare il link dell'informativa estesa.
Rifiuta
Personalizza
Accetta