X Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e analitici, anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si presta il consenso all'uso dei cookie. Per approfondimenti o per disattivare l'utilizzo dei cookie sul proprio browser, cliccare qui; se non si intende accettare, si prega di chiudere questa finestra del browser.
icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA

Press Kit

L’ORDINE degli PSICOLOGI nazionale e territoriale
L’Ordine degli Psicologi è un Ente Pubblico Non Economico sul quale vigila il Ministero della Salute, strutturato a livello nazionale, regionale e, limitatamente alle Province di Bolzano e Trento, provinciale. L’Ordine riunisce e governa gli iscritti all’Albo e ha il compito di vigilare sulla professione, al fine di prevenirne l’abuso e garantirne la qualità. L’Albo è, infatti, l’elenco pubblico di tutti gli psicologi abilitati ad esercitare regolarmente la professione. L’Ordine si configura, in questo senso, come un presidio dello Stato a tutela della salute e del benessere dei cittadini.

Infatti, tra i compiti istituzionali dell'Ordine, codificati nella Legge n.56/1989, ci sono: curare l'osservanza delle leggi e delle disposizioni concernenti la professione; curare la tenuta dell'Albo; vigilare per la tutela del titolo professionale e svolgere attività dirette a impedire l'esercizio abusivo della professione; adottare i provvedimenti disciplinari ai sensi dell'art. 27.

L’Ordine degli Psicologi della Lombardia (OPL) promuove un’interpretazione innovativa del ruolo dell’istituzione ordinistica: da organizzazione storica di matrice principalmente corporativa a corpo intermedio dello Stato a tutela della Salute. L'OPL intende configurarsi come interfaccia pubblica garantista, fra l’ambito sociale-professionale e quello politico-istituzionale. In questa visione, l’Ordine assolve il ruolo di tessuto connettivo tra psicologi e cittadini, istituzioni ed enti di ricerca, con l’obiettivo di far fronte a un bisogno crescente di psicologia e più in generale di salute e benessere.

Per l’anno 2016, l'OPL ha scelto di ampliare il proprio spettro di azione e di intervento passando dai contesti classici a un’attenzione rinnovata sul territorio. In particolare, i temi cardine saranno la “psicologia della vita quotidiana” e l’idea di una psicologia “di base”, intesa come primo approccio territoriale al benessere mentale. Questa concezione strategica inquadra la psicologia come professione capace di articolare interventi complessi e multiformi nell’ambito del disagio individuale, sociale e familiare. Una professione presente e protagonista nelle politiche del welfare, come sostegno indispensabile nella scuola, nelle aziende, nello sport, nei tribunali, nelle ONG, etc.

In questo senso, lo psicologo è sempre più identificabile nell’immagine per antonomasia del professionista della Salute Mentale che interviene in tutte le dimensioni della vita e nei diversi luoghi in cui questa si dipana, per favorire e promuovere ovunque una dimensione di benessere.

L'OPL in numeri:
più di 17.000 psicologi iscritti, di cui circa la metà sono psicoterapeuti;
oltre 1.700 professionisti coinvolti nelle iniziative di formazione online (2015);
oltre 5.000 presenze registrate in occasione degli eventi organizzati presso la Casa della Psicologia nel 2015;
oltre 70.000 leaflet e altro materiale informativo, distribuito al grande pubblico  nel periodo giugno-dicembre 2015.

 
LA CASA DELLA PSICOLOGIA
La Casa della Psicologia è lo spazio creato dall’OPL per rispondere al bisogno crescente di cultura psicologica nella società contemporanea, facendo al contempo emergere la centralità della psicologia rispetto al dibattito attuale su economia, salute, politica, scuola.

Inaugurata nel giugno 2015, la Casa della Psicologia è il luogo in cui gli psicologi e la Scienza Psicologica sono protagonisti attivi di una inedita dimensione di incontro con i cittadini, le istituzioni, i rappresentanti della società civile, della ricerca, dei media e della cultura. Un contesto aperto, in cui la Psicologia si presenta e si racconta con una voce pubblica e istituzionale e attraverso punti di vista differenti sulla professione e sul mondo.

La Casa della Psicologia è una struttura tecnologicamente all’avanguardia, attrezzata e in grado di accogliere installazioni di arte e fotografia, proiezioni e incontri interattivi. Non a caso, è ormai accreditata nella città di Milano come spazio di partecipazione, intrattenimento, formazione e informazione non solo per la comunità dei circa 17.000 iscritti all'OPL, ma anche per tutti coloro che desiderano scoprire e riscoprire la psicologia. Una disciplina che offre inaspettate chiavi di lettura della realtà e interseca continuamente il quotidiano degli individui. La Casa della Psicologia incarna, infatti, una intenzione di forte apertura nei confronti dei non addetti ai lavori: un fitto calendario di mostre, presentazioni di libri, dibattiti pubblici e confronti su temi di interesse generale consente di richiamare l’attenzione di un pubblico ampio, curioso, interessato e consapevole.

Dall’apertura ad oggi, l'OPL ha organizzato presso la Casa della Psicologia decine di workshop, attività formative e lezioni a distanza per gli iscritti. Altrettanti incontri e convegni hanno, inoltre, visto la partecipazione di importanti figure del mondo professionale, sociale, politico e mediatico (da Robert Roe a Philip Zimbardo a Umberto Galimberti).

Migliaia di visitatori, tra professionisti e cittadini, hanno animato queste iniziative, confermando la sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti delle tematiche presentate.