icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
IRIS - Insegnamento e Ricerca Individuo e Sistemi
Orientamento teorico-scientifico e clinico
L'approccio sistemico-relazionale integrato
La Scuola fa riferimento al modello sistemico-relazionale integrato, che si ispira agli orientamenti strategici e pragmatici tracciati dai pionieri della terapia familiare lungo la strada aperta da Bateson, arricchiti dagli studi e dalle applicazioni cliniche della teoria dell'attaccamento.
La sofferenza e la malattia vengono connesse alle relazioni significative per l'individuo, dal livello interpersonale a quello macrosociale, con particolare attenzione ai contesti di crescita e quindi ai legami familiari, tenendo conto delle forme che questi assumono nei diversi ambiti sociali e culturali e considerando le interazioni reciproche tra le relazioni, la soggettività e il substrato biologico. Tutto ciò implica una concezione olistica e biopsicosociale della salute, in accordo con l'evoluzione delle neuroscienze e della genetica, nonché con gli sviluppi dell'epidemiologia, dell'antropologia e della sociologia sulle determinanti sociali e culturali delle malattie.
Nella cornice generale dell'approccio sistemico, considerato sia come chiave di lettura della psicopatologia, sia come metodologia di intervento, vengono accolti ed elaborati contributi diversi, come quelli provenienti dal modello cognitivo comportamentale, dagli studi sul trauma e dalla riabilitazione psicosociale.
 
La multidimensionalità
L'importanza del contesto familiare non significa che questo sia l'esclusivo ambito di intervento. Infatti, per accettare la sfida delle situazioni complesse che sempre più spesso giungono all'attenzione dei clinici, bisogna essere in grado di intervenire su più ambiti e a più livelli, affrontando i problemi che nascono nelle fasi di acuzie e di crisi così come quelli che si consolidano attorno a condizioni di cronicità. Di conseguenza il modello sistemico integrato valorizza sia la costruzione di progetti in collaborazione con figure professionali e agenzie diverse, sia l'elaborazione di interventi che mettano al centro il protagonismo dell'utente, riconoscendone la capacità di partecipare attivamente al trattamento.
 
La ricerca
La valenza integrativa dell'approccio sistemico permette di accogliere ciò che emerge dalla ricerca in campo psicoterapico, senza perdere di vista la prospettiva relazionale e l'attenzione al contesto, nel quadro di un reciproco influenzamento tra ricerca e clinica, per cui un clinico deve anche essere in una certa misura un ricercatore. Particolare risalto viene dato alla ricerca valutativa e agli studi di esito, per consentire allo psicoterapeuta di aggiornarsi, acquisendo e interpretando in modo competente i dati della ricerca, e di incorporare nella propria pratica l'uso di strumenti per rivedere criticamente il proprio operato. Nell'esame delle evidenze scientifiche sull'efficacia delle psicoterapie viene privilegiata una visione empirica che considera diverse fonti di evidenza senza schematici riduzionismi, tenendo presente non solo la validità interna, ma anche la validità esterna degli studi clinici, con attenzione quindi all'efficacia nella pratica.
La documentazione sull'efficacia dei trattamenti riconducibili al modello sistemico-relazionale è consistente e riguarda numerose problematiche dell'adulto, del bambino e dell'adolescente, come i disturbi dell'umore, le sindromi psicotiche, i disturbi d'ansia; i disturbi della condotta e i comportamenti devianti, l'abuso di sostanze, i disturbi del comportamento alimentare e alcune patologie somatiche croniche.
 
Finalità della Scuola
Gli obiettivi principali della Scuola sono di formare psicoterapeuti in grado di progettare e realizzare interventi e trattamenti rivolti al singolo, alla coppia e alla famiglia, di fornire all'allievo le capacità concettuali per confrontarsi criticamente con gli aspetti scientifici del suo lavoro e per integrare in modo coerente, all'interno di una cornice sistemico-relazionale, elementi innovativi e clinicamente significativi che emergano dai diversi approcci psicoterapici.
A tal fine la Scuola si propone di:
Fornire un'approfondita conoscenza del modello sistemico relazionale e degli elementi qualificanti di altri approcci significativi; Promuovere capacità di analisi e intervento in diversi contesti professionali e sviluppare capacità di cooperazione critica con una specifica attenzione al lavoro di gruppo e al lavoro di rete; Promuovere una conoscenza approfondita della famiglia con una attenzione alle differenze culturali, etniche e di genere, alle modificazioni degli assetti familiari e alle nuove forme di genitorialità; Formare ad accogliere e leggere la domanda, a dare risposte brevi di carattere consulenziale, a esercitare la psicoterapia nei diversi formati (familiare, di coppia, individuale, di gruppo) e nei confronti di varie patologie e problematiche, con particolare attenzione alla fascia di età che va dall'adolescenza all'età adulta e ai nuovi modi delle patologie; Preparare gli allievi a rispondere alle richieste di approfondimento diagnostico e prognostico da parte dell'autorità giudiziaria civile e penale, con particolare attenzione alla casistica della tutela; Promuovere un atteggiamento di conoscenza e apertura nei confronti dei più recenti contributi scientifici nell'ambito della salute mentale; Promuovere la capacità di leggere e selezionare il materiale scientifico; Formare alla valutazione del proprio operato, attraverso l'acquisizione di competenze sulla metodologia valutativa e l'apprendimento di adeguati strumenti da utilizzare nella pratica clinica; Garantire la formazione personale degli allievi, favorendo la consapevolezza dei propri punti di forza, dei propri limiti e del proprio stile relazionale, in riferimento alle esperienze maturate nel proprio contesto di crescita; Preparare ad affrontare le condizioni in cui si esercita la psicoterapia rispetto all'articolazione del mercato del lavoro, fornendo conoscenze sui servizi sanitari sociali ed educativi, pubblici e privati, favorendo la comprensione dei vincoli e delle possibilità che essi comportano.
OrientamentoSistemico relazionale integrato
DirettoreGermana Agnetti - Gloriana Rangone - Francesco Vadilonga
Anno di riconoscimento MIUR2007 (cod. 2014
Affiliazione a Società ScientificheSIRTS (Società Italiana di Ricerca e Terapia Sistemica) - SIPPR (Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale)
IndirizzoVia Valparaiso, 10/6 - 20144 Milano
Sito webwww.scuolairis.it
E-mailinfo@scuolairis.it
Telefono02.29511150
Fax02.70057944