X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
12/01/2018
La Panchina Rossa alla Casa della Psicologia: il video
Il 25 novembre scorso, in occasione della Giornata Mondiale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, è stata inaugurata la Panchina Rossa in Piazza Castello, sede della Casa della Psicologia, alla presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti Pierfrancesco Majorino. Tra i presenti vi sarà anche Valentina Pitzalis, vittima della violenza cieca e inspiegabile di un uomo, capace di rialzarsi e di farsi portavoce del messaggio.
È stata l’occasione per rimarcare ancora una volta la sensibilità dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia verso questi temi e dare un segnale rispetto alla centralità del ruolo dello psicologo nella gestione di queste situazioni, sia verso le vittime che verso gli abusanti.

Chi non avesse potuto partecipare all’evento inaugurale, può consultare il video sul canale Yotube di OPL

Un altro modo per condividere ed essere partecipi a un’esperienza di impegno civico e sociale.

Per conoscere meglio il progetto Panchina Rossa, è possibile consultare l’articolo OPL dedicato all’iniziativa

Ne citiamo un breve stralcio:
«La Panchina Rossa è un oggetto della quotidianità, è il simbolo che più di ogni altro rappresenta il luogo d’incontro delle comunità. È quindi la quotidianità di ognuno/a a essere macchiata del colore del sangue ed è nell’incontro quotidiano che deve tenersi alta la soglia della nostra attenzione e declinarsi il contributo specifico, istituzionale, economico, professionale o civile della realtà che espone la Panchina
Condividi questa notizia su