icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
01/03/2019
Formazione Continua obbligatoria per tutti i professionisti della Salute: gli ultimi aggiornamenti
immagine articolo Formazione Continua obbligatoria per tutti i professionisti della Salute: gli ultimi aggiornamenti Il CNOP nella giornata di venerdì 22 febbraio ha pubblicato un comunicato che chiarisce l’evoluzione definitiva del lungo dibattito inerente la formazione continua professionale obbligatoria per gli iscritti all’Albo, discendente da diversi provvedimenti di legge emanati negli ultimi anni (L. 148/2011, DPR 137/2012, L. 3/2018). Il documento è disponibile al seguente link
http://www.psy.it/laggiornamento-obbligatorio-degli-psicologi.html.

Gli psicologi, tenuti da sempre alla formazione continua dall’art. 5 del Codice Deontologico, sono stati chiamati per legge (https://www.opl.it/ecm/introduzione.php) dal 2012 a una formazione continua strutturata e condivisa a livello nazionale, fatta di crediti, di provider e di sistemi gestionali generali. Da allora il CNOP ha predisposto e cercato di costruire un sistema di formazione continua specifico per gli psicologi e ha sottoposto tale sistema al Ministero della Salute. Il dialogo con il Ministero ha evidenziato però negli anni come una formazione continua solo psicologica fosse distante del grande percorso culturale e legislativo di unificazione di tutte le professioni dell’area della salute, di come ciò rischiasse di isolare gli psicologi dentro questo processo, di come fosse discriminante per i colleghi operanti per il Sistema Socio Sanitario (che ad oggi sono in Lombardia il 15% degli iscritti) e di come un doppio binario che affiancasse all’ECM (appunto comunque obbligatorio per migliaia di colleghi dipendenti o consulenti del SSR) con un sistema ad hoc per la nostra categoria fosse anche decisamente costoso e antieconomico per i provider, per gli ordini e quindi di riflesso per gli stessi colleghi. A ciò si aggiunge in data 14/12/2018 una formale comunicazione della commissione nazionale per la formazione continua (presieduta dal Ministero della Salute) in cui si cita testualmente: "tutti gli psicologi, ancor più oggi ai sensi della L.3/2018 di riordino delle professioni sanitarie, sono soggetti alla formazione continua mediante le regole dell’ECM, in quanto professionisti sanitari. Non è possibile un doppio binario di formazione […] mediante un regolamento specifico ”.

Visto tutto quanto sopra, per tutti gli psicologi, a partire dal triennio 2020-2022, sarà obbligatoria l’acquisizione di crediti formativi solo e unicamente secondo le indicazioni e le modalità previste dal sistema ECM.

Anche sulla base di queste riflessioni l’OPL prese la decisione (in anticipo su tutti e con grande lungimiranza) di diventare provider ECM e già dall’anno 2016 eroga decine di migliaia di crediti gratuiti ogni anno a tutti i colleghi lombardi. L’accuratezza dei contenuti formativi e le valutazioni di qualità hanno premiato la scelta dell’Ordine con l’ingresso nella classifica dei Primi 10 migliori Provider E.C.M. – Categoria Ordini Professionali - anno 2017*.

Che impatto avrà questo cambiamento sui colleghi e sulla comunità professionale?

Partendo dal Sistema E.C.M., ed estendendolo a tutte le professioni vigilate dal Ministero della Salute, e includendo in tale sistema anche tutte le specifiche psicologiche, non solo si avranno una serie di opportunità formative in più per tutti, anche grazie alla frequenza di tutti quei corsi erogati in aree della salute “contigue”, ma la psicologia e gli psicologi saranno automaticamente più conosciuti e “riconosciuti” con un vantaggio in termini di tutela della nostra professione. I singoli colleghi vedranno tutte le realtà formative attivarsi all’accreditamento e all’erogazione di crediti che, laddove forniti anche e soprattutto gratuitamente dagli ordini, andranno a strutturare un controllo e a calmierare un mercato dove ad oggi è ancora molto difficile orientarsi. A tal proposito i professionisti saranno anche protetti da tutte quelle offerte formative non garantite che già da tempo circolano con i nomi più vari e che ostentano sempre più spesso come bandiera l’adescante ma inutile etichetta di “formazione continua in psicologia”. La giusta “preoccupazione” di chi vede nel sistema ECM un sistema formativo eccessivamente “sanitarizzante” troverà risposta nella costante evoluzione di questo sistema che si sposta sempre più, e già da diversi anni, da qualcosa di riferito storicamente alla categoria dei medici a qualcosa di più aperto e variegato e riferito a tutte le professioni vigilate dal Ministero della Salute. Proprio a questi cambiamenti si lega la possibilità, già in parte fattibile ad oggi, di accreditare un ventaglio sempre più ampio di attività inerenti o anche solo collegabili a tutta l’area del benessere bio-psico-sociale, ovvero della salute.

Ventaglio nel quale potranno ricadere a breve tutti gli ambiti di declinazione della nostra professione.

Segnaliamo a tal proposito come l’istanza di modifica dell’acronimo E.C.M. (Educazione Continua in Medicina) in E.C.S. (Educazione Continua nell’area della Salute), e la trasformazione di tale sistema in un complesso più vicino alle diverse declinazioni specifiche della professione psicologica, sia partita proprio dall’OPL sulla base delle considerazioni sopra esposte e non sia solo un’operazione di facciata e di etichetta ma risulti coerente a un percorso di cambiamento più ampio atto ad accogliere i nostri bisogni.

L’anno 2019 sarà quindi un anno di transizione, utile per “sintonizzarsi” con il nuovo sistema e, a meno di cambiamenti nell’orientamento ordinistico, l’OPL non eserciterà nessuna funzione di controllo né sul pregresso né sul triennio corrente, e ciò sino al termine del prossimo triennio.

Per coloro che ancora non lo avessero fatto, un primo passaggio è quello di registrarsi al portale CoGeAPS. Su questo sito è possibile trovare tutto lo storico dei propri crediti E.C.M. già svolti e inserire tutte le richieste per quelle attività che saranno svolte in futuro e che riconoscono crediti E.C.M (è presente sul sito OPL un Tutorial a supporto della registrazione).

Può risultare utile anche la consultazione delle guide per l’utilizzo dell’Area riservata sul portale CoGeAPS: http://wp.cogeaps.it/?page_id=14022.

Inoltre, per ulteriore approfondimento alla nuova normativa in vigore e allla visione del nuovo Manuale del Professionista sanitario, si rinvia al link diretto dell’Age.Na.S.: http://ape.agenas.it/ecm/normativa.aspx.

Nello spirito positivo che ci vede affrontare all’OPL i cambiamenti in modalità costruttiva (e non mai di vuota critica o lamentela verso altri) e in ragione del massimo interesse dei colleghi, continueremo a lavorare perché, anche in questo caso, non vi siano aggravi in termini di costi per gli psicologi e che, nei tempi congrui, ognuno apprenda come inserire la formazione continua obbligatoria fra le proprie serene routine professionali.


*Eventi svolti dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017. Classifica inserita nell’Annuario della Formazione in Sanità 2018. Sanità Futura Formazione.
Condividi questa notizia su