icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
15/10/2018
Legge Basaglia: 40 anni di salute mentale. Consapevoli o indifferenti?
immagine articolo Legge Basaglia: 40 anni di salute mentale. Consapevoli o indifferenti? Sono passati 40 anni dall’istituzione della Legge Basaglia che ha rappresentato, nella storia della psichiatria e della salute mentale, un passaggio epocale.

L’Ordine degli Psicologi della Lombardia, per celebrare l’anniversario e per offrire occasioni di confronto sul tema, propone la rassegna 40 anni di salute mentale: consapevoli o indifferenti? all’interno della quale si articolano tre appuntamenti:

. 22 ottobre, alla Casa della Psicologia: La legge 180 raccontata dai protagonisti. Dialogando con Francesco Barale e Leo Nahon

. 6 novembre, sempre alla Casa della Psicologia: La Legge 180, anche i bambini sono tornati liberi

. 16 novembre, convegno CIPRA Una follia italiana. La legge Basaglia Compie 40 anni
Il convegno si terrà presso l’Università degli Studi Milano Bicocca. Tutti gli iscritti dell’OPL che desiderano aderire all’iniziativa possono godere di agevolazioni sui costi di registrazione se effettuata entro il 31 ottobre.

Inoltre, nella specifica occasione degli appuntamenti alla Casa della Psicologia, verrà allestita e inaugurata la mostra della giovane artista Michela Albert intitolata Ritratti d'interno. La mostra narra, attraverso fotografie e testi, la storia di quattro personaggi, di pura fantasia, accomunati da un vissuto psichiatrico.

La giovane autrice, nella costruzione dei personaggi, si è mossa su due piani d’analisi differenti: scientifico da una parte e profondamente empatico dall’altra.

Le storie sono narrate in prima persona, allo scopo di restituire l’esperienza fenomenica del dolore psichico, senza il peso del giudizio e dello stigma sociale, ridando così dignità ad ogni modo di percepire differente.

L’accesso alla mostra è libero e aperto a tutti gli interessati. Ti aspettiamo!
Condividi questa notizia su