pixel facebook
Portale in caricamento
Accedi con credenziali OPL
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
CERCA
15/02/2021
Campagna vaccinale per gli psicologi in Lombardia: aggiornamenti su tempi e modalità
immagine articolo Campagna vaccinale per gli psicologi in Lombardia: aggiornamenti su tempi e modalità Gentili colleghi,

comunichiamo alcuni aggiornamenti importanti sui tempi e sulle modalità della campagna vaccinale in Lombardia.
L'OPL è sempre rimasto in contatto con l'Assessorato e la Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia e con le singole ATS per monitorare l'evoluzione della campagna vaccinale.

Come da “Piano vaccinazione Covid” presentato dall’Assessore Moratti nella seduta di Consiglio Regionale del 02/02/2021, gli psicologi rientrano ufficialmente nella Fase 1-bis al pari delle altre professioni sanitarie. Questo è un primo grande risultato da non dare assolutamente per scontato.
Conclusa la raccolta delle adesioni alla campagna vaccinale, l’Ordine ha provveduto ad inviare i dati degli psicologi aderenti alle Direzioni Generali delle ATS di pertinenza instaurando un rapporto di positiva collaborazione.
Le ATS hanno suddiviso e smistato gli elenchi tra le ASST di pertinenza dando mandato di procedere alla chiamata dei professionisti aderenti. Le ASST lombarde sono 27 e hanno in capo la gestione operativa delle prenotazioni e degli appuntamenti per la somministrazione del vaccino. Ogni ASST procede in autonomia a contattare i professionisti aderenti in elenco inviando via mail un link ad un portale telematico oppure per via telefonica.
Per questo, è probabile che la gestione temporale della campagna vaccinale sia disomogenea e ciò in ragione di numerosi fattori tra i quali la disponibilità di dosi, le caratteristiche demografiche della popolazione di riferimento, l'andamento della parallela Fase 1 della vaccinazione, la disponibilità di operatori sanitari che somministrano i vaccini.
Invitiamo dunque tutti gli iscritti a rimanere in attesa delle comunicazioni dalla propria ASST nella consapevolezza che potrebbero giungere in tempi differenti a seconda della zona di residenza.
Chiediamo la massima collaborazione ricordando che, in caso di dubbi o domande sulle modalità di chiamata, non sono i nostri uffici a poter fornire tali informazioni che rimangono in capo alle ATS e alle ASST.
Condividi questa notizia su