icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
08/11/2019
Psicologo di quartiere. Quando la psicologia va in rete
immagine articolo Psicologo di quartiere. Quando la psicologia va in rete Sono stati presentati nella mattinata del 6 novembre 2019, gli ottimi risultati del progetto Psicologi e Municipi , la prima esperienza italiana di psicologia al servizio della costruzione di reti. Si è trattato della più grande mappatura mai effettuata a livello milanese sul bisogno psicologico di cittadine e cittadini da un lato e, dall'altro, sul modo in cui i territori si sono organizzati per fornire delle risposte. Il progetto ha messo in connessione per la prima volta gli Spazi WeMi, presidi territoriali delle Politiche Sociali milanesi, con i Municipi in cui è divisa la città di Milano e ha consentito a nove professionisti selezionati dall'OPL tramite bando di raccogliere i bisogni espressi dalla cittadinanza. Un grande ringraziamento va proprio ai nove colleghi che hanno contribuito al successo dell'iniziativa:

- MUNICIPIO 1: dott.ssa Anna Paola Capriulo;
- MUNICIPIO 2: dott.ssa Fania Alemanno;
- MUNICIPIO 3: dott. Fabio Rechichi;
- MUNICIPIO 4: dott. Jacopo Ferilli;
- MUNICIPIO 5: dott. Luca Pasquarelli;
- MUNICIPIO 6: dott.ssa Annamaria Arvati;
- MUNICIPIO 7: dott.ssa Alessandra Preatoni;
- MUNICIPIO 8: dott.ssa Matilde Fenino;
- MUNICIPIO 9: dott. Jacopo Rossi.

I risultati del progetto sono stati esaltanti: più di 300 richieste di aiuto, che sono state indirizzate con successo alle risposte già presenti a livello municipale. Nella mattinata di restituzione a tutti i livelli istituzionali e ai referenti degli spazi WeMi è emerso come non mai il bisogno di vedere la Psicologia nel mondo, per le strade, nei quartieri, nelle relazioni tra istituzioni e non-profit, con uno sguardo inedito ma ricchissimo di spunti. La sperimentazione dello "psicologo di quartiere" costituisce un modello efficace di offerta di servizi di psicologia di base dall'eco talmente alto a livello nazionale che sarà nell'agenda ordinistica dei prossimi anni.



Condividi questa notizia su