icona loading
Accedi con credenziali OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
RICERCA LIBERA
CERCA
05/11/2020
Aggiornamenti per lo svolgimento della professione alla luce del DPCM del 03/11/2020
immagine articolo Aggiornamenti per lo svolgimento della professione alla luce del DPCM del 03/11/2020 Care colleghe e cari colleghi,
il recente Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, emanato in data 03/11/2020 e in vigore da venerdì 06/11/2020, introduce misure di contenimento del contagio differenziate in base al livello di rischio delle singole realtà territoriali. Come sapete, la Lombardia è tra le Regioni nelle quali il rischio è considerato più elevato (Zona Rossa) e, dunque, ad essa si applicano le condizioni più restrittive previste dalla normativa.

Pertanto, ad essa si applicano le seguenti restrizioni:
  1. è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute (art 3, comma 4, lettera a).
    Specifichiamo che tra i motivi di lavoro che legittimano gli spostamenti rientra l’attività professionale degli psicologi e che le prestazioni psicologiche sono “motivi di salute” sufficienti a giustificare gli spostamenti dei clienti del professionista psicologo
  2. è vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un Comune diverso da quello di residenza (art 3, comma 4, lettera b). Anche in questo caso, l’attività professionale è da considerarsi “comprovata esigenza lavorativa” e la prestazione professionale degli psicologi costituisce “motivo di salute” per i clienti. Pertanto, in questo caso, gli spostamenti sono consentiti.

Sia nel caso 1) che nel caso 2) è obbligatorio munirsi di autodichiarazione da rilasciare alle Forze dell’Ordine in caso di controllo. Nella stessa potrà essere riportato “esigenze lavorative”. Non dovrebbero essere richieste ulteriori specificazioni (per es. luogo in cui ci si sta recando, durata della visita e sicuramente non il nome dei clienti/pazienti). Tuttavia, se capitasse e se vi fosse chiesto, potrete fornire dette informazioni, atteso che si tratta di comunicazioni fornite alla Forza Pubblica e giustificate dalla situazione di emergenza.
Tale autodichiarazione è necessaria e valida, sia per i professionisti, che per i clienti/pazienti ovvero per coloro che si muovono.

Vi invitiamo a utilizzare il modello editabile presente sul sito del Ministero dell’Interno a questo indirizzo https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2020-10/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf

Come per il precedente del 24/10/2020, va specificato che questo Decreto non dispone nulla di nuovo relativamente all’attività professionale degli psicologi. Ciononostante, esso testimonia la gravità della situazione epidemiologica e pone degli interrogativi alla nostra categoria in ordine alla propria responsabilità sociale e a quella dei propri atti professionali (art. 3 del CD).

Pertanto, l’Ordine formula un’ulteriore esortazione alla prudenza, alla scrupolosa applicazione delle norme igienico-sanitarie e alla limitazione dei contatti con le persone non appartenenti al proprio nucleo convivente.

In merito alle indicazioni per lo svolgimento dell’attività professionale rimangono valide tutte le indicazioni fornite contestualmente all’uscita del DPCM del 24 ottobre 2020, che trovate qui
https://www.opl.it/notizia/26-10-2020-Aggiornamenti-per-lo-svolgimento-della-professione-DPCM-del-24-10-2020


Condividi questa notizia su