Accedi con credenziali OPL
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordine Recupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X

Sull'uso del termine ESPERTO

La Legge (art. 2 L.248/2006) affida alla pubblicità il compito di garantire all’utente/cliente la possibilità di scegliere il professionista corrispondente alle esigenze del caso specifico.

Per questo motivo la Legge richiede che l’informazione obbedisca ai criteri della trasparenza e veridicità del messaggio. Il rispetto di tali criteri è verificato dall’Ordine territorialmente competente, in relazione agli artt. 2, 39 e 40 del Codice Deontologico.

In linea con la previsione legislativa, l’Atto di indirizzo sulla pubblicità informativa delle attività professionali, approvato dal CNOP il 25/05/2007, ribadisce che la pubblicità va intesa e realizzata come servizio per l’informazione alla collettività.

Nello specifico, l’Atto di indirizzo prevede che non è consentito utilizzare il termine esperto in quanto fuorviante per la trasparenza del messaggio.

La pubblicità informativa può indicare i titoli di studio, ai sensi della L. n.34/1990, del D.M. 509/1999 e del D.M. 270/2004 (art.4 Atto di indirizzo).

Per quanto riguarda le caratteristiche del servizio offerto, l’iscritto alla sezione A dell’albo <<può inoltre pubblicizzare: l’area specifica nella quale esercita la professione, ad esempio: “psicologia del lavoro e delle organizzazioni”, “psicologia scolastica”, “psicologia di comunità”, “psicologia giuridica”, “psicologia dello sport”, “psico-oncologia”, “neuropsicologia”, “psicologia del traffico”, etc. In tal caso il professionista deve presentare una documentazione, anche mediante autocertificazione, dalla quale si evinca l’adeguata formazione e/o l’attività nella specifica area>> (art. 5, comma 2, lett. a).

L’Atto di indirizzo del CNOP è stato recepito dall’OPL con delibera n.174/07 del 19/07/2007.

L’OPL, con delibera n.246/10, ha previsto alcune note orientative, prevedendo la possibilità, per l’iscritto alla Sezione A dell’Albo, di “pubblicizzare il contesto professionale e l’area di intervento”.
File e link correlati Scarica il documento in PDF
Altri Argomenti
La Prima certificazione per i DSA: le linee guida della Regione Preventivo, informativa e consenso alla privacy e alla prestazione professionale Sull'uso del termine ESPERTO Linee guida per la definizione dei rapporti di convenzione tra Università e Ordini territoriali sui Tirocini Regolamento per l'esercizio delle azioni di tutela della professione Valutazione neuropsicologica da parte di privati e centri non accreditati SSN D.M. 23 marzo 2018 L. n.3 del 11/01/2018 Linee guida per lo psicologo operante in coordinazione genitoriale Commenti dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia al DDL n.735/2018 "Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità" Parere conservazione test e dematerializzazione Regolamento del Provider ECM dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia Politica della Qualità dell'OPL Nomenclatore Apertura studi di Psicologia D.P.R. n.328 del 05/06/2001 - D.L. n.105 del 09/05/2003 (Sezione A e sezione B dell'Albo) L. n.401 del 29/12/2000 D.L. n.39 del 04/03/2014 L. 7 agosto 1990, n.241 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445 Controllo dati PP.AA. ex D.P.R. n.445/2000 Regolamento del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia Regolamento per la concessione dei patrocini e uso delle sedi Regolamento per l'amministrazione e la contabilità Indirizzi generali sulla pubblicità delle attività professionali degli iscritti alla sezione A e B dell'Albo degli Psicologi della Lombardia Linee guida del CNOP Regolamento disciplinare dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia L. n.56 del 18/02/1989 D.L. n.248 del 31/12/2007 D.P.R. n.221 del 25/10/2005 Codice Deontologico degli Psicologi italiani