icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
RICERCA LIBERA
CERCA
26/10/2017
Webinar di presentazione del Centro Milanese di Terapia della Famiglia
Relatore:  Dott. Pietro Barbetta, Direttore del Centro Milanese di Terapia della Famiglia

Il Centro Milanese di Terapia della Famiglia è Scuola di Formazione alla Psicoterapia da oltre trent’anni, fondata da Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin.
Gregory Bateson, punto di riferimento epistemologico di Boscolo e Cecchin, durante un incontro del 1956 presso la Josiah Macy jr. Foundation, disse: «C’è una grande somiglianza tra il colloquio psicoterapeutico e il gioco; ma, nel colloquio psicoterapeutico, non accade nulla fino a che entrambe le persone non si mettono a “giocare sul serio». 
Questa frase è l’insegna del modo di fare terapia secondo il Milan Approach: allargare il novero delle possibilità terapeutiche, con rigore e immaginazione.
Rigore significa che l’approccio sistemico-relazionale non include qualsiasi modello o pensiero, anche se entra in dialogo con qualsiasi prospettiva che rispetti pratiche anti-oppressive. Immaginazione significa ricerca, dentro al campo clinico, dei cambiamenti sociali, culturali, delle trasformazioni della vita familiare e comunitaria.
I nostri allievi apprendono la terapia osservandola e traendo dall’osservazione delle pratiche terapeutiche – con il contributo dell’esperienza dei didatti – le teorie cliniche e le teorie della tecnica. Le teorie non sono rese in formule astratte, non sono modelli indiscutibili. “Mai innamorarsi delle proprie ipotesi” è uno dei principi fondanti del nostro lavoro clinico.
Questo gioco serio per essere trasmesso necessita di un insegnamento/apprendimento differente, la formazione in psicoterapia farà riferimento a un gruppo base con due didatti e almeno due assistenti alla didattica. Questo è il cuore della trasmissione della terapia. Il coinvolgimento dell’allieva/o nella pratica clinica è un autentico laboratorio clinico in cui l’allievo/a, nel gruppo, potrà modulare il proprio coinvolgimento anche attraverso pratiche su se stessa/o.
Secondo la lettura di Bateson, la mente si costruisce nel nostro modo di entrare in relazione, di appartenere a gruppi, comunità, di essere parte di una o più famiglie, di avere un corpo.
Condividi questa notizia su