icona loading
Accedi con credenziali OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
RICERCA LIBERA
CERCA
03/02/2017
Nota sulla gestione amministrativa dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia
immagine articolo Nota sulla gestione amministrativa dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia L’Ordine degli Psicologi della Lombardia è venuto a conoscenza di informazioni fuorvianti, se non false, circolanti in rete su come l’OPL gestisce le “spese politiche” e la trasparenza della sua azione amministrativa.
L’attuale gestione dell’OPL viene messa a confronto con la gestione ENPAP ma tale confronto è improprio, dato che si tratta di soggetti completamente diversi per forma giuridica, dimensioni e sistema di governance.
Riteniamo perciò doveroso fornire tre chiarimenti per tutelare l’immagine dell’Amministrazione, del nostro Consiglio e per rassicurare i colleghi su come vengono spesi i loro soldi.

1. Le cosiddette “spese politiche” rappresentano quanto viene corrisposto ogni anno ai Consiglieri e alle cariche dell’Ordine.
Per comprendere l’impatto di questa voce sul bilancio dell’OPL è utile fare riferimento alla quota annuale che ciascun iscritto versa all’Ente. Confrontando a titolo di esempio questa consigliatura con la precedente, notiamo che nel 2015 per coprire questa voce di costo è servito l’11% della quota annuale di ogni iscritto, mentre nel 2011 la stessa voce pesava per il 20% sulla quota annuale. Dimostrazione obiettiva, questa, del netto miglioramento nella spesa apportato dall’attuale gestione.

2. Spese per lo svolgimento delle attribuzioni istituzionali: è una voce standard del nostro bilancio, da sempre definita così per identificare i compiti attributi dalla legge istitutiva della professione. Tale voce comprende tutte le attività a favore degli iscritti.
Rientrano in questa categoria, per esempio, le proposte di formazione e orientamento come i webinar o il salone delle Scuole di psicoterapia, le attività culturali della Casa della Psicologia, le iniziative di sostegno all’occupabilità, come ad esempio il servizio di orientamento e tutoring, e le azioni in ambito comunicativo, i progetti, le azioni di promozione e tutela della professione. Tale voce di bilancio non riguarda spese di natura squisitamente “politica” e non copre la funzione di rappresentanza, ma contempla la maggior parte di ciò che ritorna immediatamente (in termini di azioni e/o servizi) a beneficio degli psicologi lombardi.

3. La trasparenza è stata per la nostra Amministrazione una questione di prioritaria importanza ed è per questo che, in quest’ultimo biennio, abbiamo realizzato la sezione “Amministrazione trasparente” nel nostro sito. Abbiamo altresì investito in un programma di formazione del personale presso la Scuola Nazionale dell’Amministrazione e l’OPL è stato tra i primi Ordini professionali in Italia ad essere adempiente a quanto è stato prescritto dalla normativa specifica in materia di trasparenza e anticorruzione.
L’“Amministrazione trasparente” è una sezione dei portali della Pubblica Amministrazione rigidamente strutturata ai sensi del D.Lgs. n.33/2013 e, seppur la consultazione possa sembrare non di facile intuizione, essa contiene sia le delibere (dall’insediamento di questo Consiglio nel maggio 2014) sia i bilanci in forma semplificata. Sono in corso di pubblicazione gli atti relativi all’ultima parte del 2016. Le delibere sono facilmente reperibili e consultabili grazie a un efficiente motore di ricerca per parole chiave e per data.
Sono presenti anche numerosi altri documenti utili a una chiara e completa comprensione del funzionamento della macchina amministrativa.

L’importanza degli aspetti legati alla trasparenza è tale da non consentire a chi siede in Consiglio di affrontare la questione con superficialità. È bene verificare sempre, prima di lamentarsi, se ciò di cui ci si duole non risulti invece pubblico, disponibile o in qualche modo risolto. È importante porre cautela e valutare con attenzione i riferimenti normativi su cui poggiano le proprie, sempre per altro legittime, richieste e osservazioni (per citare un esempio l’articolo 2423 del Codice Civile si applica alle Società per Azioni e non agli Enti Pubblici come l’Ordine).

Auspichiamo che la dialettica tipica di ogni tornata elettorale, compresa quella per l’Ente di previdenza, non generi né sfiducia e confusione nei colleghi né immotivato discredito verso l’Istituzione ordinistica che tutti ci rappresenta. Speriamo che possa invece essere l’occasione di un confronto franco, onesto e sincero tra le parti in causa, coerente con l’etica professionale che ci caratterizza e sempre orientata a beneficio di tutta la comunità professionale.
Condividi questa notizia su