icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
25/01/2018
Webinar di presentazione della scuola di specializzazione Sistemico Dialogica di Bergamo
Il nostro approccio vede il cambiamento strettamente legato un’acquisizione o a un incremento della capacità dei pazienti di situarsi entro la propria vita. Definiamo il situarsi come un’attività duplice, che consiste nel valutare la propria posizione nei sistemi umani di cui si è parte, e insieme rendersi consapevoli delle proprie emozioni. Un terapeuta, per lavorare con i propri pazienti sul situarsi, deve in primo luogo essere a sua volta in grado di situarsi rispetto al paziente, entrando in dialogo con la situazione complessiva in cui l’incontro terapeutico è contenuto. La capacità di situarsi porta i pazienti a rendersi consapevoli della propria responsabilità negli eventi della vita, e in tal modo può condurli a una diversa consapevolezza che si accompagna a un autentico cambiamento terapeutico. Questa ipotesi sarà illustrata attraverso esempi clinici.
Condividi questa notizia su