icona loading
Accedi con credenziali OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
RICERCA LIBERA
CERCA
Evento Casa della Psicologia Torna all'elenco File e link correlati
NIENTE SARÀ PIÙ COME PRIMA. Il cambiamento post pandemia tra nostalgie, speranze e illusioni
Data evento: 24/06/2020
Orari: dalle 21:00 alle 22:30
Luogo evento: Online su piattaforma GoToWebinar

immagine articolo NIENTE SARÀ PIÙ COME PRIMA. Il cambiamento post pandemia tra nostalgie, speranze e illusioni Negli ultimi mesi abbiamo più volte sentito dire o pronunciato questa frase: “niente sarà più come prima”. È una frase che segna un limite, un punto di demarcazione tra un ‘prima’ e ‘un dopo’ e che, a seconda dei punti di vista e delle accezioni, riassume il dolore della perdita degli affetti, della rinuncia a uno stile di vita precedente oppure l’auspicio che tutto ciò lasci una traccia significativa nella nostra memoria e nel nostro sentire, producendo nuovi modi di pensare e di percepire, più rispettosi di noi stessi, degli altri, del mondo.

Ma gli accadimenti in sé – seppur fortemente drammatici – sono sufficienti a generare dei mutamenti e, persino, delle evoluzioni?

Come psicoterapeuti, sappiamo che il cambiamento è il frutto di un processo faticoso, che procede per fasi non lineari: osservazione, riflessione, elaborazione, adattamento e riadattamento. Sono fasi che portano a una crescita personale e che permettono la narrazione della propria storia, attraverso l’attribuzione di senso agli eventi e l’acquisizione di una modalità nuova di fare esperienza. Perché si compia questo processo, però, sono necessari alcuni ingredienti imprescindibili: la percezione di una base sicura, la fiducia, l’assunzione di responsabilità, l’impegno, il tempo, lo spazio e, forse, qualcos’altro…
È possibile applicare queste considerazioni relative alla crescita personale anche allo sviluppo sociale, culturale, economico, politico? E cosa servirebbe per ‘curare’ l’effetto traumatico della pandemia e arrivare davvero a scrivere una storia diversa, più ‘umana’?

Ne parliamo con
Vittorio Lingiardi, psicoanalista, giornalista e poeta
Michela Marzano, scrittrice
Lella Costa, attrice

Moderano l’incontro
Maria Silvana Patti, membro del Comitato Scientifico della Casa della Psicologia
Davide Baventore, Vicepresidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia
 
EVENTO GRATUITO E APERTO A TUTTI
👉È obbligatorio segnalare la vostra partecipazione iscrivendosi QUI.
Condividi questo evento su   
File e link correlati Locandina
Disclaimer Nella sezione “EVENTI” del sito, OPL offre ai propri iscritti e ai cittadini un servizio di informazione su eventi, corsi e iniziative d’interesse nella divulgazione e formazione della psicologia, non necessariamente promosse e/o patrocinate da OPL , bensì su iniziativa di soggetti terzi.
Pertanto si declina ogni responsabilità circa eventuali errori, disservizi e/o inadempimenti con riferimento agli eventi, corsi e iniziative non espressamente organizzati e/o patrocinati da OPL.