icona loading
Accedi con credenziali OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire il numero di iscrizione all'ordine e la data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
PAROLE PIU' RICERCATE
RICERCA LIBERA
CERCA
Evento Casa della Psicologia Torna all'elenco File e link correlati
La libertà non è uno spazio libero. Libertà individuale e bene collettivo
Data evento: 04/11/2020
Orari: dalle 21:00 alle 23:00
Luogo evento: Online su piattaforma GoToWebinar

immagine articolo La libertà non è uno spazio libero. Libertà individuale e bene collettivo Noi psicoterapeuti ci muoviamo da sempre tra il livello della libertà individuale e quello dei vincoli della terapia, e sappiamo bene che a volte la libertà (ad esempio di pensare, fantasticare, parlare) è possibile solo all’interno di alcuni vincoli, di una cornice.
In questo periodo ci stiamo confrontando tutti con l’idea di libertà e con i suoi limiti: ci viene chiesta in vario modo la privazione di quote di libertà, per un bene superiore, la tutela della salute, nostra e dell’altro.
Questo ha generato sensazioni abbastanza diverse in ognuno di noi e a seconda dei momenti.
Essere costretti a casa ci ha fatto sentire insolitamente liberi dagli impegni, doveri, vincoli esterni ad esempio; ci siamo sentiti per un po’ sollevati dal senso di colpa delle cose da fare e non fatte, o del tempo non dedicato alle persone care. In altri casi ci siamo sentiti leoni in gabbia, privati dell’aria, costretti ad un confronto forzato con i nostri pensieri, paure, preoccupazioni, solitudini, compagni.
La “fase due” ci ha esposto ad altre privazioni, e ad una riflessione etica e responsabile su quanto la propria libertà finisca dove inizia quella dell’altro: l’altro può essere sentito come una minaccia, ma anche come una protezione; l’altro è il limite alla propria libertà ma anche la condizione di possibilità della propria libertà.
Cosa significa dunque essere liberi? La libertà è anche responsabilità? Quanto sono importanti le regole per potere essere liberi? Quanto è importante essere liberi di muovere la fantasia, farla correre, poter pensare? E quanto essere liberi di andare nel mondo?

Ne parliamo con
Stefano Bolognini, psichiatra e psicoanalista
Ilaria Rossetti, scrittrice
Gherardo Colombo, magistrato e scrittore

Moderano:
Irene Sarno, membro del Comitato Scientifico della Casa della Psicologia
Davide Baventore, vicepresidente OPL
PER L'ISCRIZIONE CLICCARE QUI
Condividi questo evento su   
File e link correlati Locandina
Disclaimer Nella sezione “EVENTI” del sito, OPL offre ai propri iscritti e ai cittadini un servizio di informazione su eventi, corsi e iniziative d’interesse nella divulgazione e formazione della psicologia, non necessariamente promosse e/o patrocinate da OPL , bensì su iniziativa di soggetti terzi.
Pertanto si declina ogni responsabilità circa eventuali errori, disservizi e/o inadempimenti con riferimento agli eventi, corsi e iniziative non espressamente organizzati e/o patrocinati da OPL.