icona loading
ACCESSO ISCRITTI OPL
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine e la vostra data di nascita per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
bottone apertura menu mobile
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
RICERCA LIBERA
CERCA
Progetto pari opportunità - politiche femminili
logoProgetto pari opportunità - politiche femminili convenzione L’Ordine degli Psicologi della Lombardia sta promuovendo una ricerca sui temi della promozione dei principi di parità tra le donne e gli uomini, come già in molti ambiti professionali e lavorativi sia nel nostro Paese che in Europa. Questa indagine rappresenta un punto di partenza fondamentale per delineare e sostanziare le azioni future che l’Ordine potrà mettere in campo a favore della promozione dei principi di parità tra le donne e gli uomini.

L’obiettivo è infatti quello di individuare, in una visione prospettica di ampio raggio:

- Azioni sui temi del ruolo e del reddito. Proposta e diffusione di buone prassi per incrementare programmi di formazione finalizzati all’incremento del self-empowerment e a potenziare le capacità economiche gestionali delle donne psicologhe, anche per consentire l’accesso delle stesse in settori professionali che appaiono oggi limitati o preclusi. Promozione del work-life balancing;
- Azioni per la rappresentanza. Per promuovere la democrazia paritaria, riteniamo indispensabile favorire la cultura del rispetto verso le differenze, contrastare comportamenti discriminatori, valorizzare le differenze di genere e favorire la presenza delle donne psicologhe nei singoli Ordini, negli organismi direttivi locali e nazionali ivi compresi il Consiglio Nazionale degli Psicologi e la Cassa di Previdenza.

Forse non è noto a tutti che alcuni recenti studi hanno confermato una composizione sostanzialmente femminile della nostra professione, con l’82% di donne, ma questo dato non è affatto rassicurante dal punto di vista lavorativo, perché sappiamo che le donne psicologhe, rispetto ai colleghi uomini:

- iniziano a lavorare come professioniste mediamente 3 mesi più tardi;
- esercitano mediamente 5 ore in meno a settimana;
- hanno un reddito annuo netto di circa 10mila euro più basso.

Per promuovere una reale democrazia paritaria all’interno della categoria, OPL ritiene indispensabile valorizzare le differenze di genere e lavorare per promuovere azioni che impattino in maniera positiva sulla vita professionale delle colleghe.

Il progetto approvato per il 2015 è da considerarsi come una prima fase esplorativa, durante la quale verrà attuata una ricerca qualitativa volta a conoscere l’esperienza professionale delle colleghe nella nostra regione. Due colleghi esperti del settore realizzeranno interviste in profondità sul tema, i cui contenuti saranno analizzati e rielaborati all’interno del Gruppo di Lavoro, e infine disponibili per tutti i colleghi a partire da febbraio 2016.

Le colleghe che sono interessate a partecipare, a dare la propria disponibilità o anche soltanto a ricevere informazioni, possono mandare una mail a: politiche.femminili@opl.it (i dati raccolti saranno trattati secondo le normative vigenti a tutela della privacy).
File e link correlati Scheda progetto